By / 9th luglio, 2017 / Mangiare e Bere / No Comments

Pizzoccheri

pizzoccheri

I Pizzoccheri sono il piatto tipico più famoso della cucina valtellinese. Per chi non li conoscesse si tratta di un tipo di pasta simile alle tagliatelle il cui impasto è costituito principalmente da grano saraceno, vengono cotti con delle verdure ( patate , verze o coste ) e conditi con formaggio e burro fuso. E’ un piatto sostanzioso, squisito, ma di certo non stiamo parlando di ricette light!

I posti migliori per mangiare i pizzoccheri si trovano nei paesi di Teglio e Ponte in Valtellina, sono infatti questi i luoghi di origine del piatto e nei quali si trovano numerosi ristoranti ed osterie che preparano il piatto in maniera tradizionale, utilizzando pasta fresca preparata a mano. Lasciamo alcuni consigli per i nostri clienti , senza avere l’ambizione di fornire un elenco completo :

Ristorante Da Silvio ( Castionetto di Chiuro )
Ristorante Da Nello ( Ponte in Valtellina )
Osteria del Sole ( Ponte in Valtellina )
Ristorante Combolo ( Teglio)
Ristorante Belandin ( Teglio )

 

Sciatt

Un tipico piatto valtellinese non ancora conosciuto quanto i pizzoccheri, ma apprezzato moltissimo da chi lo scopre. Si tratta di un antipasto che per nostra tradizione spesso anticipa i pizzoccheri (contro i principi di qualunque dieta!!) che si presenta come delle palline di farina di grano saraceno fritte con all’interno un cuore di formaggio fuso.

Viene servito con dell’insalata (cicoria) che serve ad alleggerire l’untuosità del fritto in abbinamento a salumi misti della zona (bresaola, salame, prosciutto crudo, pancetta).

Il piatto ha origini più profonde nella zona di Teglio e un tempo veniva cotto in padella con lo strutto, infatti la sua forma era piuttosto simile a quella di uno sciatt (termine dialettale che indica il rospo) unicamente per la sua forma ed il colore che ricordavano appunto l’animale.

Oggi questo piatto è simbolo dell’intera valle e molto spesso la sua cottura avviene in pentole di olio bollente (la temperatura dell’olio è fondamentale per la buona riuscita del piatto) assumendo la forma di piccole palline dalla forma irregolare.

La ricetta principale richiede tra gli ingredienti farina di grano saraceno e farina bianca impastate con acqua gassata o birra. C’è poi chi mette un bicchierino di grappa oppure chi aggiunge un pizzico di bicarbonato secondo le abitudini. Il formaggio utilizzato è rigorosamente il Valtellina Casera che viene tagliato a cubetti, intinto nella pastella e poi buttato a friggere nell’olio bollente per qualche minuto. Il risultato è da provare!!!


Leave a Comment